Archivio

Archivio per la categoria ‘Eventi e novità’

Cerimonie Laiche e futuri celebranti a Livorno!

13 aprile 2012 Commenti chiusi

Scaletta-programma

UAAR Circolo di Livorno
Per informazioni e prenotazioni,  telefonare allo 0586 889491 oppure scrivere all’email: livorno@uaar.it

Cerimonie Laiche al Convegno Nazionale della Consulta di Bioetica

14 marzo 2012 Commenti chiusi

L’intervento di Cerimonie Laiche è per sabato 17 marzo alle 14,00: siete tutti invitati! :)

Dopo la prima edizione svoltasi a Milano nel 2010, sarà Novi Ligure ad ospitare il secondo Convegno Nazionale della Consulta di Bioetica, che si terrà il 16 ed il 17 marzo prossimi presso la Sala Congressi della Biblioteca Civica in via Marconi, 66.
Nel corso della due giorni, dal titolo “Per un’etica del commiato: tra arte e cultura”, saranno affrontati i temi centrali trattati dall’associazione, con particolare riferimento ai principi bioetici di fine vita, come, ad esempio, l’eutanasia ed il testamento biologico.
Al Convegno interverranno numerose personalità nel campo medico e filosofico. E’ prevista anche la partecipazione di Beppino Englaro, Socio Onorario della Consulta di Bioetica, che interverrà nella tarda mattinata di sabato 17 marzo. Riflessioni e tavole rotonde saranno affiancate da interventi teatrali e musicali. Tra gli artisti, sono attesi Valerio Binasco, Letizia Russo, Fausto Paravidino e Fulvia Maldini.
La prima giornata prenderà il via venerdì 16 marzo alle ore 14,45 con l’apertura da parte del Prof. Maurizio Mori, Presidente della Consulta Nazionale di Bioetica, a cui seguiranno i saluti delle autorità. I lavori della prima sessione, dal tema “Il suicidio assistito e l’eutanasia”, termineranno alle 18,15 e subito dopo è prevista l’Assemblea dei soci. Sabato 17 marzo il programma prevede altre due sessioni. La prima, al mattino riguarderà il testamento biologico; la seconda, a partire dalle ore 14, affronterà il tema “I riti di passaggio ed il funerale laico”. La chiusura dei lavori è prevista per le 16,30.
La Segreteria Organizzativa e Scientifica del Convegno è composta da Maurizio Balistreri (Filosofo Bioeticista Consulta di Bioetica), Concetta Malvasi (Infermiera Bioeticista Consulta di Bioetica), Maurizio Mori (Presidente Consulta Nazionale di Bioetica), Giacomo Orlando (Medico Consulta di Bioetica) e Carla Repetto (Infermiera Bioeticista Consulta di Bioetica)

Articolo tratto da www.giornal.it

Locandina convegno bioetica

Funerali laici a Firenze: due luoghi a disposizione della cittadinanza

19 gennaio 2012 Nessun commento
Pubblico volentieri questo articolo sugli spazi a disposizione dei cittadini per le Cerimonie Laiche e – con l’occasione – ringrazio Baldo Conti (coordinatore regionale UAAR) e il Presidente del Quartiere 4, Giuseppe D’Eugenio, per il loro grande impegno nelle battaglie burocratiche e politiche e per aver infine ottenuto questo meraviglioso spazio che è la Sala Consiliare di Villa Vogel.

Villa Vogel Sala Consiliare 1 Villa Vogel Sala Consiliare 2

Articolo tratto da www.nove.firenze.it

Venerdì 13 gennaio 2012

Il rito funebre ha, in questo momento storico e nel contesto italiano, le funzioni prevalenti di ufficializzare la dipartita del defunto presso la comunità, di esprimere solidarietà alla famiglia e infine di richiamare le convinzioni etiche o religiose che il defunto considerava proprie.

Il funerale più comune in Italia è quello di rito cristiano cattolico, in accordo con la presenza di una maggioranza di cattolici all’interno del territorio nazionale: i cattolici in Italia sono infatti, secondo l’indagine svolta da Caritas/Migrantes nel 2008, circa cinquantuno milioni, ovvero più dell’87% dei residenti. In Italia esistono tuttavia anche, secondo la stessa indagine di fonte cattolica, quattro milioni di non religiosi: circa due persone su trenta dunque aspirano presumibilmente ad un funerale laico.

A Firenze sono a disposizione due sedi pubbliche per chi voglia predisporre per sé, o per un proprio congiunto, un funerale laico: alcuni spazi all’interno di Villa Vogel, nel Quartiere 4, e una sala al Parterre, nel Quartiere 2.

Gli spazi di Villa Vogel sono stati inaugurati per primi, a metà del 2008 e comprendono la sala consiliare Tosca Bucarelli, il chiostro interno e la Limonaia. La villa tardomedievale, ampliata nel Seicento, offre uno scenario suggestivo e adatto alla solennità del momento: le stanze del Quartiere 4 sono tuttavia a disposizione solo per lo svolgimento della funzione di commiato vero e propria e non per l’esposizione della salma. La bara chiusa deve infatti arrivare alla sede civica in tempo per la commemorazione, per poi venire rimossa al termine dagli addetti alle onoranze. Il Quartiere mette a disposizione microfoni, leggii e sedie, mentre fiori, cartelli e corone possono essere liberamente portati da amici e familiari.

Il Quartiere 2 ha messo invece a disposizione la propria sala all’interno del Parterre a partire dalla primavera del 2010: anche questa sala, concessa con precedenza agli abitanti del quartiere ma utilizzabile da tutti, è disponibile solo per la cerimonia e non per l’esposizione della salma, proprio come una chiesa del resto. La sala destinata è quella al pianterreno e per prenotare la funzione è necessario telefonare alla Presidenza del Quartiere.

In entrambi i casi si tratta di decisioni, per quanto questo possa risultare sconcertante, in anticipo sui tempi: la maggioranza dei comuni italiani non mette infatti a disposizione alcuna sala per le onoranze funebri. Firenze ha voluto dunque prendere, prima di altre città, questa misura di civiltà, per andare incontro alle richieste di cittadini e famiglie destinati altrimenti a rinunciare a questo fondamentale rito di passaggio, comune a tutte le culture e dotato di molte funzioni e significati, non necessariamente ascrivibili alla sfera religiosa.

Nascita, unione, commiato: il diritto al rito – On line il video del Convegno del 16 Novembre 2011

12 dicembre 2011 Commenti chiusi

Sala delle Feste, Palazzo Bastogi, via Cavour 18, Firenze – 16 Novembre 2011, ore 16.00.

Cerimonie Laiche al Convegno Riti Regione Toscana

Intervenuti: Mauro Romanelli (Consigliere regionale), Monica Sgherri (Presidente del Gruppo consiliare Federazione della Sinistra/Verdi), Mariella Orsi (Sociologa), Valentina Calvelli (celebrante laica, UAAR), Vera Pegna (celebrante laica, UAAR, Federazione Umanista Europea), Matteo Galletti (Filosofo), Pawel Gajewsky (Pastore Chiesa Valdese Firenze), Sergio Tamborrino (Laboratorio per la Laicità), Emanuele di Giacomo (Schegge di Cotone), Maria Grazia Campus (moderatrice).

Convegno sui Riti Laici a Firenze

10 novembre 2011 Commenti chiusi
Locandina Convegno Riti Laici

La Locandina del Convegno di Firenze

8 maggio 2011: festa della Mamma …e di Sofia!

6 maggio 2011 Commenti chiusi

L’8 maggio di quest’anno sarà davvero indimenticabile per la piccola Sofia: mamma e babbo hanno deciso di festeggiare la sua nascita, avvenuta un anno fa, con una Cerimonia di Presentazione davvero speciale…

Sarà un bellissimo modo per festeggiare con Sofia anche babbo Andrea e soprattutto mamma Monica!

Invito Presentazione di Sofia

Tutti i miei auguri a questo fiorellino appena sbocciato e buona Festa della Mamma a tutti!!!

Valentina

Francesco e Manuel, la prima famiglia gay riconosciuta in Italia

4 aprile 2011 Nessun commento

Francesco e Manuel sposiFrancesco Zanardi e Manuel Incorvaia sono ufficialmente una famiglia per il Comune di Savona.

Ieri mattina i due partner omosessuali hanno richiesto e ottenuto il ricongiungimento famigliare che, come dichiara lo stesso Zanardi, portavoce del Movimento attivista nazionale Gay italiani, è solo: “Una goccia nel mare, per quanto riguarda i diritti delle coppie gay, ma un ulteriore passo avanti perche’ finalmente anche coloro che hanno potere decisionale in Parlamento comincino a prendere posizioni in questa lotta di civiltà”.

“Siamo considerati famiglia ma non e’ un miracolo ottenerlo, anche due cugini o due semplice amici potrebbero ottenere lo stato di famiglia, come successo a noi”, dice Zanardi, che da anni continua ad invocare a grande voce la possibilità, anche per gli omosessuali italiani, di potersi sposare come capita in molti paesi occidentali. La soluzione che prospetta per aggirare l’ostacolo del vuoto istituzionale su questo tema è quanto mai azzardata e pericolosa: “Dovremmo trovarci in acque internazionali su una imbarcazione battente bandiera italiana. Se mi trovassi in imminente pericolo di vita, il capitano avrebbe il potere di sposarci. Io, poi, sono a rischio di shock anafilattico, giro con il cortisone in tasca, ci vuole poco”.

Ottenuto un unico stato di famiglia, i due gay liguri non si sono persi d’animo e hanno richiesto, a un anno di distanza dalla prima domanda, respinta dal Comune di Savona, la pubblicazione di matrimonio. Con una speranza in più, dopo lasentenza 138/2010 del 12 aprile scorso spiccata dalla Consulta: “Le coppie omosessuali – spiega Zanardi – hanno rilevanza costituzionale e non sono un mero fatto privato; il matrimonio tra persone dello stesso sesso e’ compatibile con l’attuale Costituzione; le coppie non sposate omosessuali sono su un piano giuridico differente, perche’ piu’ meritevole di riconoscimenti di diritti e doveri rispetto alle coppie eterosessuali non sposate; il Parlamento ha il dovere di legiferare in materia con una regolamentazione organica e generale, dunque non privatistica”.

Solo pochi giorni fa, la Corte Costituzionale è tornata sul tema dei partner gay, sconfessando il Governo e dichiarando la legittimità di una legge della Regione Liguria incentrata a combattere la discriminazione determinata dall’orientamento sessuale e dall’identita’ di genere.

(Fonte: GayMagazine.it)

Brasile: giudice riconosce relazione di due lesbiche come unione civile

31 marzo 2011 Nessun commento

Brasile: giudice riconosce relazione di due lesbiche come unione civile

Un giudice ha riconosciuto come unione civile la relazione tra due donne lesbiche del Brasile. La sentenza ha il sapore di un qualcosa di storico. Dice il giudice:

Se due persone dello stesso sesso decidono di stabilire una società emozionale, questa non può essere modificate. Lo stato non può negare asilo ad una relazione giuridica quando la Costituzione non stabilisce restrizione alcuna.

Nel concedere alla coppia di lesbiche tutti i diritti corrispondenti a quelli di una relazione stabile, il Tribunale ha fatto sapere che sono state valutate diverse fonti che corroborano la vita di coppia delle due donne:

[Si riconosce che] dinanzi alle dichiarazioni delle interessate, inoltre da prove documentali presentate nelle testimonianze esterne, tutto indica che le parti vino insieme in una relazione omosessuale da più di trent’anni e non esiste dubbio alcuno sull’esistenza di una vera e propria unione.

Fonte: www.queerblog.it


Matrimoni Civili al Castello dell’Acciaiolo

31 marzo 2011 Commenti chiusi

Scandicci: Castello dell'Acciaiolo - Giardino Pomario Comune di Scandicci - Approvato il primo atto del Comune di Scandicci per poter celebrare i matrimoni all’aperto al Castello dell’Acciaiolo

Una delibera di Giunta individua infatti il giardino della dimora storica di proprietà dell’Amministrazione “quale sede comunale idonea allo svolgimento delle celebrazioni di matrimonio civile”. L’iter prevede adesso diversi passaggi tra cui la comunicazione dell’atto alla Prefettura di Firenze e la redazione di un disciplinare interno per fissare le modalità di svolgimento delle cerimonie.

A Scandicci i matrimoni civili possono essere già celebrati nella Sala consiliare Orazio Barbieri, nella Sala Giunta e nella saletta della palazzina Cna in via Francoforte sull’Oder, accanto al Municipio; la celebrazione dei matrimoni in Sala Giunta è gratuita, in Sala consiliare costa 87 euro in orario lavorativo e 195 in altri orari, mentre nella saletta Cna, di proprietà comunale in base ad un accordo,rispettivamente 150 euro durante le ore lavorative e 300 euro nelle altre.

“In queste settimane andiamo a definire le modalità per la cerimonie di matrimonio all’Acciaiolo – spiega l’assessore al Patrimonio Andrea Giorgi – gli obiettivi sono quelli di offrire un’ulteriore scelta alle coppie che si sposano nei mesi primaverili ed estivi, all’aria aperta in un luogo di indubbio fascino, e al tempo stesso di valorizzare ancora di più lo spazio esterno del Pomario. Già l’anno scorso abbiamo ampliato la possibilità di scelta con l’individuazione della saletta Cna: in quell’occasione abbiamo reso gratuiti i matrimoni in Sala Giunta”.

Nella delibera approvata dalla Giunta sono riportate le motivazioni che hanno portato a individuare il Pomario del Castello dell’Acciaiolo: “oltreché per la sua contiguità alla sede comunale, anche per la sua accessibilità, per la sua gradevolezza, il suo decoro e l’accoglienza degli spazi”. Come nelle altre sedi comunali, i matrimoni dovranno essere celebrati alla presenza delle bandiere italiana ed europea e del gonfalone del Comune di Scandicci, quali simboli formali della sua destinazione a sede comunale.

29/03/2011 11.54 Comune di Scandicci

Articolo tratto da Notizie dalle Pubbliche Amministrazioni

Elogio della Laicità: Veronesi da Fazio

28 marzo 2011 Commenti chiusi

Fabio FazioOspite della puntata di sabato 26 marzo scorso a “Che tempo che fa”, il professor Umberto Veronesi, presentando il suo ultimo libro sul fine vita, ha spaziato sui temi del testamento biologico, dell’eutanasia, della terapia del dolore, del significato della malattia e il ruolo del medico. Riguardo al testamento biologico, ha criticato il ddl Calabrò in discussione in Parlamento, sottolineando il valore inappellabile della libertà di scelta dell’individuo e ha aggiunto di trovare ‘incomprensibile l’atteggiamento della Chiesa cattolica” che continua a volere tenere legato ad una macchina ad oltranza “un corpo senza
cervello e privo delle funzioni vitali”, oppure nutrire e idratare coattivamente una persona affetta da una malattia le cui cure ormai sono diventate inutili e dolorose e che non ha più voglia di vivere, laddove Giovanni Paolo II aveva potuto scegliere di non continuare con le cure. Parlando di eutanasia, riferendosi in particolare all’Olanda che, comunque, ha una legge rigorosissima, ha precisato Veronesi, ha voluto chiarire come il termine abbia sempre di più assunto un significato ambiguo e nefasto mentre nello spirito originario voleva essere un invito rivolto ai medici di avere sempre rispetto nei riguardi dei malati terminali, applicando loro trattamenti il meno invasivi possibile. Commentando la recente infelicissima battuta del vicepresidente del CNR, che aveva definito il terremoto espressione della bontà di Dio, Veronesi ha ricordato come storicamente molti medici erano anche sacerdoti, ma che oggi non ha più alcun significato attribuire al male e segnatamente alla malattia un ruolo ‘catartico’ e che il ruolo della scienza medica deve essere sempre più indirizzato ad una terapia del dolore che renda sopportabile le patologie e a sconfiggere, grazie alla ricerca, malattie devastanti che riducono la qualità della vita dei malati e di quanti vivono con loro.

(tratto da UAAR Ultimissime, articolo di Stefano Marullo)

Categorie:Eventi e novità, Laicità Tag: